martedì 3 marzo 2020

Poveri e ricchi: c'è sempre un motivo!


Sono trascorsi più di due anni dal mio rientro da Lima, dove ho scritto la maggior parte delle esperienze qui riportate. Volti, situazioni, drammi, conquiste... sono vivi in me. Otto anni brevi, tanto sono passati velocemente, ma davvero intensi perché il vangelo della vita si é fatto sfogliare in modo unico e speciale. 

In questi giorni sono passati tra le mie mani diversi capi di abbigliamento, quelli che si è soliti chiamare "firmati"… vestiti, gonne, pantaloni, foulard il cui prezzo al momento dell'acquisto si aggirava intorno ai mille euro e più. Quindi sotto i miei occhi, ora poche centinaia di euro se qualcuno deciderà di prenderli per vestire vintage, anni fa migliaia di euro, chiusi in un armadio. Chissà forse frutto di duro sacrificio, o forse di vanità e lusso; sfoggiati forse una volta nella vita non gridano nulla al cospetto di Dio? Chi si sognerebbe di assolvere un ladro per i suoi furti, e chi ha il coraggio di dire come Giovanni Battista: hai due tuniche? Donane una. 

Quando si parla di diseguaglianza economica guardiamo sempre oltremare, ad un nord più al nord. Oggi guardo nel mio armadio e mi decido a donare quella giacca che attende una nevicata che non arriverà così presto. Perché c'è sempre un motivo per accumulare! E c'è sempre un motivo per cui i poveri sono sempre più poveri!

#tuttoandrabene#


Nessun commento:

Posta un commento