venerdì 19 agosto 2016


Ieri pomeriggio la signora Corinne mi ha chiesto se potevo ascoltarla.Con tanta umiltá ha condiviso con me una sofferenza che vive in casa. Alcuni anni fa lo sposo ha subito un incidente, per un anno é rimasto in ospedale dopo essere stato operato ripetute volte alla gamba. Era un poliziotto, perse il lavoro. “Da quel momento non l’ho riconosco piú. É scorbutico, risponde male, si isola, vuole separarsi...peró io lo amo”.Immediatamente mi viene da proporre per lui un ritiro spirituale o uno psicologo per i traumi dell’incidente, ma Corinne mi dice:“Tra qualche settimana compie 50 anni e per il suo compleanno voglio regalargli una messa, che si preghi per lui e desidero che possa anche confessarsi. Voglio che il padre lo benedica, sono certa che sará guarito”.Ho pensato ai tanti episodi del vangelo in cui Gesú loda la fede di tanti come il centurione, la donna siro-fenicia...che chiedono a Gesú la salvezza per qualcuno che amano.Amen. Cosi sia.

Nessun commento:

Posta un commento