giovedì 30 luglio 2015

Questa mattina lungo la strada abbiamo incontrato il sig. Antonio. Un uomo di mezz’etá che tirava un carretto pieno di materiale reciclato. Doveva tirarlo con la forza delle braccia, impossibilitato a pedalare per la mole dei sacchi.

 Come va? Gli abbiamo chiesto.

 - Lavorando, fin dal mattino presto,  per un piatto da mangiare. Ci ha risposto sorridendo.

 Ho presentato a Dio la vita di questa persona che, come quella di tanti altri nel mondo, faticano duramente per poter sopravvivere.


lunedì 27 luglio 2015


Gloria lavora tutto il giorno vendendo in strada articoli per capelli, portafogli...Sulle spalle ha un debito con la banca che le concesse un prestito per poter avere acqua e fognatura. Adesso manca il bagno. Si potrá trasformare questo pezzettino di terra in un bagno? Avremo il sostegno economico? Confidiamo in Dio Padre  che sempre si preoccupa dei poveri che gridano a  Lui.Avevamo un piccolo risparmio di una giovane che condivide costantemente parte del suo stipendio. Il muratore ci invia il preventivo: il doppio della somma che abbiamo. Gli rispondiamo che purtroppo per il momento non possiamo portare avanti questo lavoro, peró confidiamo nella Provvidenza.Dopo solo 5 minuti arriva quasi tutta la somma che mancava. Grazie Signore per questa puntualitá!

 


venerdì 10 luglio 2015



Che bello aprire la porta di casa: si ricevono benedizioni!


Durante la cena ha suonato il campanello. Sono andata ad aprire ed ho incontrato un uomo appoggiato al muro che farfugliava: dov'é quel signore, mi ha detto di venire qui, la hermana Isabel...non capivo cosa mi volesse dire.  Allora gli ho chiesto: Di che cosa ha bisogno? Un maglione, mi ha risposto. Effettivamente quello che aveva addosso era molto consumato, con buchi... ed insufficiente per il freddo che fa.

L’ho fatto accomodare e gli ho rivolto qualche domanda per conoscerlo. Si chiama Giovanni, vive in strada e mi dice: perché nasconderlo, mi piace bere.Gli ho chiesto se avesse mangiato, alla risposta negativa gli ho detto che mi aspettasse mentre andavo a preparargli qualcosa. Mentre mi allontanavo mi ha detto: Dio é amore, gli ho sorriso annuendo: sí Dio é amore. Gli ho portato un piatto con il ricco sfornato preparato da Katia e mentre Maria si é fermata a fargli compagnia, siamo andati a cercare, tra le cose che arrivano dall’Italia, qualcosa perché potesse coprirsi. Abbiamo trovato una tuta e una bella e calda casacca. Mi sono emozionata quando ho visto che la casacca aveva una scritta” Da Prat Armando”: Armando e sua moglie sono carissimi amici conosciuti a Pordenone.


Quando Giovanni ha ricevuto questi doni é stato molto contento ed ha incominciato a benedire.Tanti sono stati benedizione per Giovanni e Giovanni é stato benedizione per tanti!

La porta si é chiusa.