martedì 31 marzo 2015


La realtá, in una delle nostre zone piú povere, si fa ogni giorno piú difficile. La violenza tra i giovani é aumentata: omicidi, assalti...con pistola, coltelli o pietre é all’ordine del giorno. Questo provoca tanta insicurezza, paura, diffidenza, reazioni di vendetta. Abbiamo incontrato alcune mamme con il desiderio di infondere fiducia e speranza in un Dio che ci protegge, che é con noi, che ci difende e lotta per noi fino a dare la vita: Le preoccupazioni, le difficoltá, le sofferenze sono come un leone agguerrito e affamato davanti a noi, davanti al quale ci sentiamo come un bambino indifeso e disarmato. Ci salva la certezza che dietro di noi ci sia un cacciatore forte disposto a dare la vita per me.
Le signore incominciano a raccontarsi: mio marito ogni giorno rientra a casa ubriaco, a volte mi prende la disperazione di non sapere come pagare il gas, la luce... Un’altra: questa mattina in cucina ho incontrato quel ragazzo, vicino di casa, ubriaco, cercava qualcosa da mangiare. Ho avuto pena  di lui, conosce la fame, il freddo, vive con il papá peró é completamente abbandonato...ha preso un mal cammino...gli ho dato quello che avevo. Un’altra racconta: sono rimasta orfana  all’etá di 8 anni, il piú piccolo dei miei fratelli aveva 8 mesi. Papá si é preoccupato per noi peró durante il giorno stavamo con gli zii che ci picchiavano...a 11 anni me ne sono andata di casa,  sono andata a lavorare...piú tardi ho incontrato un uomo da cui ho avuto 4 figli, mi tradiva, mi maltrattava, mi sono separata. Un´altra diceva: ho paura per i miei figli, per loro darei tutto. Sono cresciuta da sola e non voglio che i miei figli vivano ció che io ho vissuto.
É grande questo leone, le sue fauci sono enormi...

Vieni Signore Gesú, tu che hai dato la vita per noi, in questa Pasqua regalaci ancora una volta la tua grazia, facci sentire la tua presenza che ci libera, ci custodisce, ci protegge.


Nessun commento:

Posta un commento